Intervista a Silvia Faraci, il nostro giudice di giugno

Intervista a Silvia Faraci, giudice del GFCalendar di giugno.

Come consueto ogni mese, vi presentiamo attraverso un’intervista il nostro nuovo giudice del GFCalendar di giugno.

Questo mese è la carissima Silvia Faraci.

Bella, brava, giovane e mamma. Ecco Silvia in tutto il suo splendore.

 

Silvia Faraci - Gluten Free Travel & Living
Silvia Faraci

 

Ha aperto la nostra raccolta con le ciliegie con una ricetta davvero stupenda, che trovate proprio da lei.

 

Ciliegie - Gluten Free Travel & Living
Panna cotta alle Ciliegie – foto di Silvia Faraci

 

Qui la scoprirete in tutta la sua dolcezza.

 

GFT&L: Domanda di rito per i nostri lettori: chi è Silvia sia nella vita pubblica, sia nel privato?

Silvia: Sono mamma di due piccolette di 4 e quasi 3 anni, aiuto il mio compagno in ufficio nell’azienda di famiglia e mi occupo di tutte le piccole cose che fanno in genere le mamme! La mia routine è molto semplice ma ogni giorno è speciale grazie alle mie piccole e grandi gioie di nome Ginevra ed Aurora! E come si potrebbe facilmente intuire, cucino molto! 

GFT&L: Cos’è Eppur non c’è?

Silvia: Questo blog inizialmente è nato un po’ come ripiego, non avrei neanche lontanamente immaginato di diventare una foodblogger, anche perché, fino a qualche anno fa, ignoravo l’esistenza di questo mondo. Ho sempre amato cucinare, avrei desiderato farlo come professione ma il destino non aveva questo in programma per me così, per passatempo e sentirmi meno sola, soprattutto quando le mie bimbe erano piccine ed io passavo molto tempo in casa, ho deciso di scrivere le mie ricette per condividere le mie creazioni.

GF&TL: L’Italia è il paese del buon cibo, ma c’è un paese straniero che vorresti visitare o che hai visitato, la cui cucina ti piace in particolar modo?

Silvia: Assolutamente il Messico!!! Da celiaca è stato un vero paradiso! Sono stata due volte e, in entrambi i casi, sono ingrassata 5 kg in 10 giorni!!! Lo so, ma vi immaginate un posto dove potete mangiare praticamente di tutto? Poi adoro la loro cucina colorata e piccante. Prevalentemente a base di mais, la farina di grano o glutine non sanno neanche cosa siano, se non nelle grandi catene hoteleire (come dicono là) dove utilizzano farina di grano per dare un menù continentale (e fare le tortillas per gli Americani, in caso chiedete sempre).

Ma amo tutte le cucine del mondo, in realtà aspetto solo il prossimo viaggio! Ho viaggiato tanto e visitato tanti Paesi europei e non ho mai avuto paura di trovarmi senza prodotti gluten free. Ho sempre trovato cibi privi di glutine naturalmente.

 

GFT&L: Qual è la tua visione del senza glutine?

Silvia: Senza glutine per me è mangiare più sano, una disciplina, uno stile di vita. A volte credo che sarei arrivata comunque a questa dieta. La celiachia ha solo accelerato i tempi. Vedo tantissime persone affette da sindromi di vario genere a cui viene immediatamente consigliata una alimentazione priva di glutine. La risposta è chiara e semplice, fa male! Per cui migliorarsi la vita partendo da una dieta sana. Questo però fa aprire una parentesi dedicata a chi crede che la dieta gluten free sia una dieta sana, mi raccomando, non improvvisate mai diete senza pareri, soprattutto perché i prodotti pronti contengono molti amidi e zuccheri e non sono per nulla dimagranti! È sana se eliminate dalla dieta tutto ciò che lo contiene e mangiate pseudo cereali o cereali integrali privi di glutine naturalmente. Spesso mi chiedono consigli e cerco sempre di avvertire sia celiaci neofiti che intolleranti e non, bisogna sempre leggere bene le etichette ed informarsi su quel che si mangia.

GFT&L: Cucinare, e insegnare a cucinare, riflettono la nostra visione del mondo. Qual è la visione della cucina, e del mondo, di Silvia?

 Silvia: La cucina è sempre uno dei miei pensieri costanti, non c’è sera in cui mi addormenti senza che una nuova ricetta mi passi per la testa. Avrei tanti sogni nel cassetto e in molti di questi compare la cucina.

Per me il cibo è necessario e nel mio mondo ci deve essere equilibrio, rispetto per il cibo e un pizzico di leggerezza (nel senso che qualche volta ci si può prendere poco sul serio e concedersi un fritto o qualche dolce super slurp). Avrei desiderato aprire un piccolo negozietto tutto mio, creare i miei prodotti e sperare di rendere felice qualcuno. Chissà! 

GF&TL: Chi è il tuo chef preferito? A chi ti ispiri?

Silvia: Amo profondamente Jamie Oliver, credo che non sia solo bravo in cucina, ho profonda stima per tutto ciò che ha fatto e fa, il suo impegno a diffondere la conoscenza del mangiar sano, la Food Revolution, lo ha portato ad essere per me e milioni di persone un vero esempio, per me è unico! Amo le sue ricette essenziali, rapide e semplici. Alla portata di tutti insomma,  con il minimo impegno sarà sempre un gran successo.

GF&TL: E fra le blogger, c’è qualcuno/o a che riflette il tuo modo di cucinare?

Silvia: Non ho mai pensato a questo, sinceramente da quando sono diventata foodblogger ho fatto il mio, con influenze da tutto il mondo, osservo molto e molti, e questo forse mi fa ritrovare un po’ in ognuno dei foodbloggers che “frequento” sul web. Sono tutti bravi ed ho davvero tanta stima di molti miei colleghi, sono felice che ognuno di noi abbia una firma unica!

 

GFT&L: Come ti sei avvicinata alla cucina gluten free? 

Silvia: Ho cominciato a cucinare prestissimo, a 13 anni organizzavo merende per gli  amichetti del vicinato e facevo già pastrocchi assurdi all’epoca! Ricordo di aver provato a fare i popcorn con i semini del canarino… Altro che cucina di avanguardia!!! Avevo già battuto molti chef senza saperlo!!!  Scherzi a parte, Ad 11 anni mi arrivò la diagnosi definitiva del morbo celiaco e da subito ho iniziato ad interessarmi per evitare di mangiare sempre le stesse 3 paste super collose che c’erano all’epoca. Mia nonna imparò a fare il pane senza glutine, per anni fece tutto lei, poi pian piano mi insegnò tutti i trucchi, quindi grazie a lei che so fare davvero tutto in cucina.

GFT&L: Pensi che cucinare evitando il glutine sia difficile? Se sì, cosa lo rende difficile? Se no, perché secondo te molti pensano che lo sia?

Silvia: Non ho mai cucinato con glutine, salvo casi rarissimi e sono tantissimi anni che non dico più che cucinare senza glutine sia difficile. Negli anni è cambiato tantissimo il mercato e offre di tutto, sia prodotti scadenti che prodotti molto buoni e, senz’altro, rendono la nostra vita semplice. Magari chi ritiene che cucinare senza glutine sia difficile potrebbe avere difficoltà anche con il glutine. È chiaro che c’è una differenza enorme, ma ditemela voi, perché io proprio non la ricordo! Le cose che faccio piacciono sempre a tutti e nessun ospite non celiaco si è mai lamentato, anzi, ho sempre visto reazioni di incredulità! Devo sempre dire che è tutto gluten free perché nessuno ci crede! Viva il progresso! 

GFT&L: Ti sei sentita gratificata quando hai preparato qualcosa di veramente buono, che fosse per il palato di tutti quindi anche per le esigenze di chi è intollerante (e non mi riferisco solo al glutine)?

Silvia: Come dicevo prima è proprio così. Ho capito che sarei stata una cuoca e mi sono messa d’impegno, far piacere qualcosa che preventivamente viene giudicato diverso e magari non buono, per me è un vero piacere, non una sfida ma una soddisfazione. Perché anche se non mi sento diversa, ci mancherebbe, non voglio cucinare due menù ogni volta che ho ospiti.

Poi il pane!!! Quando lo preparo per gli ospiti finisce sempre e subito! Una volta, per il compleanno di mia figlia preparai un piccolo vassoio di pizzette per me essendo io l’unica celiaca, mentre per gli altri c’erano pizzette del forno. Conclusione? Le mie pizzette gluten free sparite e spazzolate, le altre avanzate!!! E non sono soddisfazioni queste? Si ma una potevano lasciarmela ahaha!!!!

GF&TL: Che cosa vorresti imparare a cucinare senza glutine? Hai uno scoglio che ancora non sei riuscita a superare?

 Silvia: Diciamo che voglio imparare a fare meglio i lievitati. E poi c’è sempre da imparare, io non ho studiato nulla e vado sempre a sentimento. Vorrei imparare a fare i lievitati dolci, quelli mi sembrano un po’ difficili ma li faccio raramente, probabilmente basta un po’ di pratica e due dritte giuste!

GF&TL: Qual è il tuo cavallo di battaglia? Ci regali la tua ricetta 

Silvia: Amo gli gnocchi in generale e questa è la ricetta degli gnocchi di zucca integrali

gnocchi di zucca integrali - Gluten Free Travel & Living

GF&TL: Come vedi il futuro del senza glutine in Italia?

Silvia: Ricco di produttori artigianali ed avremo tantissima scelta sana. La grande distribuzione continuerà a proporre di tutto, per me non manca nulla. Solo vorrei un po’ più di qualità e meno porcherie nei prodotti, senza voler essere polemica perché ognuno di noi è libero di scegliere cosa mangiare!

 

E adesso vi ricordo le regole per partecipare al GFCalendar di giugno:

1. fino al 30 giugno avete tempo per mandare tutte le ricette con le ciliegie protagoniste del vostro piatto, in versione sia dolce che salata, con l’unica limitazione che siano senza glutine;

2. le ricette devono essere inserite in questo form, ma bisogna lasciare anche il link sotto questo post;

3. Dovete esporre questo banner nel post e nel vostro blog

4. Dovete scrivere: con questa ricetta partecipo al #GFCalendar di giugno sulle ciliegie  di Gluten Free Travel & Living e la collaborazione di Silvia di Eppur non c’è.

E infine visto che è venerdì vi ricordo il 100% Gluten Free (Fri)Day, dove aspettiamo le vostre ricette senza glutine!

100% GFFD - Gluten Free Travel and Living

4 Commenti - Scrivi un commento

  1. Scusate, ho provato diverse volte a caricare la ricetta nel form, però non la invia, non capisco perchè. Se potete dirmi come fare. il problema che riscontro è il seguente: anche se ricarico la pagina il pulsante invia si vede per metà e se con il cursore lo punto e clicco non invia la ricetta . In attesa di una vostra risposta vi auguro buona giornata

    Reply

Post Comment