Semplici e buoni; le farine senza glutine

Semplici e Buoni è il Mix di farine per pane senza glutine che abbiamo provato oggi per voi

Semplici e buoni -Gluten Free Travel and Living
Semplici e buoni -Gluten Free Travel and Living

Semplici e buoni è il Mix di farine senza glutine per pane e pizza disponibile da Pam/Panorama
che oggi abbiamo provato per voi nella nostra rubrica Farine senza glutine Croce e Delizia.
Lo facciamo ogni ultimo giovedì del mese e potete trovare i precedenti esperimenti in questa pagina

 

Il Mix di oggi ha una interessante formulazione con l’aggiunta di farina di sorgo, facilmente riconoscibile nel colore del prodotto finale ed è inoltre senza proteine del latte. Vediamo dunque nel dettaglio cosa abbiamo ricavato da questo esperimento

Semplici e Buoni, miscela per pane e pizza senza glutine in confezione da 1 Kg
Costo € 3,29 a confezione (variabile in base ai punti vendita)
Ingredienti
Amido di mais, farina di sorgo, farina di riso, fecola di patate, farina di mais, addensanti: idrossipropilmetilcellulosa

La ricetta utilizzata è sempre la medesima:

250 gr di farina
200 gr di acqua
Mezzo cucchiaino di miele
5 g lievito di birra fresco
2 cucchiai olio
1 cucchiaino di sale (circa 5 g)

Lavorato tutto nell’impastatrice, il composto è risultato molto liquido

Semplici e buoni -Gluten Free Travel and Living
Prima della lievitazione

Lo abbiamo comunque messo in lievitazione e dopo circa 2 ore era diventato così

Semplici e buoni -Gluten Free Travel and Living
Dopo la lievitazione

L’impasto era assolutamente impossibile da maneggiare e lo abbiamo pertanto versato in uno stampo da plumcake e cotto su pietra refrattaria. La lievitazione è stata molto bassa sia prima che dopo la cottura e il pane non assomigliava per niente ad  una pagnotta però l’alveolatura si è formata e il sapore non era male

Semplici e buoni -Gluten Free Travel and Living
Semplici e buoni -Gluten Free Travel and Living

Questo pane però, dopo qualche ora, era decisamente molto più duro e abbiamo dovuto consumarlo tostato

Abbiamo così pensato di fare un nuovo esperimento utilizzando la ricetta presente sulla confezione. Questa ricetta però, prevedeva solo 10 grammi in meno di acqua rispetto al precedente esperimento e abbiamo pensato che il risultato non sarebbe poi cambiato di molto. Non volendo abbassare troppo la quantità di acqua (dal momento che il precedente esperimento aveva un prodotto finale che si era indurito troppo presto) abbiamo portato a 185  invece che 190. Ecco le dosi esatte:

250 gr di preparato per pane Semplici e Buoni
185 gr di acqua
8 gr di lievito di birra fresco
16 gr di olio
5 gr di sale

Lavorato l’impasto, risultava finalmente meno liquido

Semplici e buoni -Gluten Free Travel and Living
Prima della lievitazione

Ovviamente, avendo anche diminuito la quantità di acqua, la lievitazione è stata ancora più bassa

Semplici e buoni -Gluten Free Travel and Living
Dopo la lievitazione

Questa volta siamo riusciti a lavorare meglio l’impasto con l’ausilio di farina di riso e abbiamo modellato una pagnotta. Durante il tempo di riscaldamento della pietra refrattaria però, il pane non è cresciuto ma si è allargato per diventare, dopo la cottura un disco meno altro del precedente

Dopo qualche ora, questa pagnotta si è molto indurita e non era gradevole nemmeno tostata

Ecco dunque cosa abbiamo capito di questo mix:
Assorbimento liquidi: molto basso
Lievitazione prima della cottura: bassa
Lievitazione dopo la cottura: molto bassa
Lavorabilità dell’impasto: non lavorabile
Colore della crosta: pallido
Qualità della crosta:  morbida
Umidità interna del pane: alta
Alveolatura della mollica: media
Odore: non gradevole
Sapore: con retrogusto di teff
Durata: poche ore

Arrivederci al prossimo esperimento!

Post Comment