Oggi conosciamo: Chiara Chiaramonte

Chiara Chiaramonte - Gluten Free Travel and Living

Chiara Chiaramonte potrebbe essere definita semplicemente una foodblogger.
Per me è molto di più. È una esperta, appassionata divulgatrice a tutto tondo di una cucina nuova, sensibile e sicuramente sana.
Il suo blog è “Chiaracucina” e recentemente ha pubblicato un libro omonimo con Navarra editore.

GFT&L: la domanda di rito è: chi è Chiara Chiaramonte?

CC: Una vegetariana curiosa, che ama mangiare e mangiare bene. Che si diverte molto a sperimentare accostamenti tra ingredienti naturali e cruelty-free. E che sogna di diffondere questo tipo di cultura alimentare ma senza drammi o sensi di colpa, solo con il sorriso sulle labbra e dimostrando che la cucina vegetariana è anche ricca, varia, golosa.

GFT&L: Come è iniziato l’interesse per la cucina vegetariana?

CC: C’è stato da sempre un rifiuto per le carni da parte mia, ma finché vivevo in casa con i miei era difficile gestire i miei pasti. Quando sono andata a vivere da sola, tutto è stato molto più semplice e ho cominciato a sperimentare, e dopo qualche pasticcio in cucina, tutto è diventato più facile, più buono e più divertente!

GFT&L: Credi che sia aumentato l’interesse verso questo tipo di cucina?

CC: Vivo in una terra in cui non c’è mai stata particolare sensibilità verso questi temi. Ma devo ammettere che nell’ultimo periodo questa sensibilità sta crescendo, e di conseguenza cresce il numero di persone che scelgono una dieta vegetariana e vegana e anche il numero di locali e ristoranti che offrono alternative veg.

GFT&L: Sei siciliana, in Sicilia esiste una grandissima tradizione culinaria che è un vero patrimonio di sapori e cultura, come si concilia quello che proponi con la tradizione?

CC: A dire il vero, una buona parte dei cibi tradizionali siciliani sono vegetariani: lo sfincione, le melanzane alla parmigiana, le panelle e le crocché, i broccoli in pastella, i carciofi e i cardi, la caponata. Altre ricette tradizionali tipiche sono facilmente interpretabili in chiave vegetariana.

GFT&L: La cucina vegana è spesso criticata per la carenza di proteine, trovi corretta questa osservazione?

CC: Non è per niente corretta dal mio punto di vista. Sia perché oggi la carne che arriva sul piatto della gente arriva per la maggior parte da allevamenti intensivi, che sono sinonimo di anabolizzanti, antibiotici, e altre sostanze nocive, quindi non è mica detto che apporti una quantità di proteine utili o sufficienti. Inoltre i vegetariani e i vegani possono nutrirsi con proteine vegetali, come quelle contenute nei legumi, ad esempio. Assimilare la giusta quantità di proteine, con gli accostamenti giusti, è più facile con una dieta vegana che con una onnivora.

GFT&L: Nel tuo blog troviamo anche ricette senza glutine: cosa sapevi della celiachia?

CC: Ho diverse amiche celiache e piano piano ho cercato sempre più informazioni su questa patologia e quindi ho iniziato a sperimentare ricette con ingredienti naturalmente senza glutine e ho scoperto che sono davvero una grandissima quantità e quindi le possibilità di combinazioni interessanti e gustose sono davvero tantissime.

GFT&L: Quali aspetti del cucinare gluten free trovi più difficili?

CC: Alcune farine per I prodotti da forno (pane, grissini, pizza), sono un po’ difficili e delicate da lavorare, e spesso Il risultato non è quello desiderato e un bel po’ diverso dalle farine glutinose.

GFT&L: Cosa puoi consigliare a chi vorrebbe iniziare a fare una dieta vegetariana?

CC: Consiglio di non farsi prendere dal panico, di usare la testa e riflettere sul fatto che le possibilità sono infinite, tutte buonissime e divertenti e per tutte le necessità.

Ovviamente il mio blog è a disposizione per la consultazione, da oltre due anni pubblico 1 ricetta al giorno proprio per dimostrare che la dieta vegetariana è varia!

GFT&L: Un mia amica vegetariana si stava disperando perché pensava di essere celiaca e quindi avere grandi difficoltà soprattutto per mangiare fuori. Cosa ne pensi da esperta?

CC: Penso che i locali pubblici dovrebbero iniziare a usare anche loro la testa, e riflettere che dare un’alternativa veg e gluten free è quantomeno il minimo che si possa fare per accontentare la totalità del pubblico. Alla fine, basta davvero poco.

GFT&L: Ci regali una ricetta veloce e facile e, ovviamente, senza glutine?

CC: Certamente, a questo link trovate una ricetta vegan e gluten free: piadina di ceci con sugo di pomodorini!

Ovviamente tutti gli ingredienti citati, soprattutto le farine e gli amidi non devono avere contaminazione da glutine.

GFT&L: Grazie Chiara e grazie per il tuo utilissimo blog.

CC: Grazie a voi!

Condividi questo post

Post Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.