Beer Attraction 2017, anche senza glutine

Si è appena concluso il Beer Attraction 2017, quali sono le novità?

Beer Attraction 2017
Logo ufficiale

Si è concluso anche per quest’anno, il BEER ATTRACTION 2017, l’evento internazionale dedicato alle specialità birrarie, birre artigianali, tecnologie, attrezzature e materie prime. Tutto ciò che c’è sul mondo delle birre artigianali.
Ormai, diventato per me e per tanti appassionati, un evento imperdibile.
Ogni anno, nuovi progetti, nuove conoscenze, nuovi assaggi, nuove amicizie, nuove scoperte.
Il Beer Attraction 2017, si è svolto a Rimini Fiera, dal 18 al 21 febbraio 2017. Nasce nel 2015 ed è giunta alla terza edizione. Sempre più crescente è l’interesse verso il  mondo delle birre artigianali e non sono da meno le  birre artigianali senza glutine.
Molte sono le birre senza glutine presenti in commercio e sugli scaffali con diciture ed etichette senza glutine, ma molte altre, pur non riportando la fatidica dicitura, rispettano i contenuti di glutine adatti ai celiaci secondo le normative italiane ovvero non superano i  20 ppm e ciò viene rilevato tramite numerosi test, attendibili e sicuri. Sui siti delle birre troverete le schede tecniche e la certificazione senza glutine.
Con i nuovi dispositivi, direttamente sulla bottiglia di birra, troverete un QR code. Il QR code si collega alla pagina web del lotto di birra, da cui è possibile leggere le informazioni a riguardo, come il certificato di analisi della birra, la scheda del prodotto e i contatti del birrificio. Inoltre sarà presente anche un messaggio visivo (una coccinella di colore verde o viola). Il progetto Lady Bug Beer (www.ladybugbeer.com )nato da un’idea di Alfonso Del Forno (http://nonsologlutine.it/ ) ha lo scopo di informare il consumatore sull’esatto valore di glutine presente in una birra. Se il colore della coccinella è verde la birra è senza glutine, se è di colore viola c’è un basso contenuto di glutine.
Al Beer Attraction 2017 sono andata alla ricerca e all’assaggio di birre artigianali senza glutine e delle tante novità in arrivo sul mercato, in compagnia dei miei amici di Beer Hunters (http://www.beerhunters.it/ ) di Agropoli (Sa).
Vediamole insieme:

Birra ETNIA – Serie Session : NZ e UK. (http://birraetnia.it/ )
Beverine, leggere e dissetanti. Luppoli provenienti dalla Nuova Zelanda e dal Regno Unito che danno equilibrio, aroma e sapore.  Sicuramente anche l’occhio vuole la sua parte, oltre al sapore. Bellissimi i colori!
Birra NZ: luppoli della Nuova Zelanda, un alternarsi di dolce amaro. Frutta esotica, profumi floreali e aromi erbacei mescolati insieme per rendere unico l’aroma e la bevuta di questa birra. Una birra di carattere, che non lascia indifferente.
Birra UK: birra britannica nei luppoli e italiana nella sua realizzazione. Una Pale Ale morbida e avvolgente, con settori fruttati di pera Williams e dei luppoli d’oltremanica. Una birra da pub, semplice, essenziale.

Beer Fellas – SeaCider:  Sidro di pere (Perry’s Cider) e Sidro di mele (Ginger and Chilli Cider).
Il Sidro viene prodotto con mele selezionate eticamente. Si pressano trasformandole in succo e viene aggiunto lievito Champagne. Una volta fermentato, si aggiunge al sidro altro succo di mele per creare una bevanda alcolica fruttata e rinfrescante. Non vengono utilizzati additivi, solfiti o ingredienti artificiali.

Soul Kiss American Pale Ale di Eastside: Il “Bacio dell’anima” luppolata, resinosa e tropicale, con sentori di biscotto e crosta di pane, amaro netto ma non invadente. Bevibile e leggera. Finalmente anche nella nuova versione senza glutine.

Birrificio del Forte con la Birra Gassa D’Amante e la Birra Meridiano 0: (http://www.birrificiodelforte.it/index.php )
La Birra Gassa D’Amante premiata lo scorso anno (Beer Attraction 2016) come la miglior birra artigianale italiana senza  glutine dall’Onlus NONSOLOGLUTINE. Un profumo fresco, con piacevoli note fruttate ed erbacee. Presenta profumi di frutta a pasta gialla e sentori floreali leggermente speziati. Una sola parola: piacevolezza. Il suo nome Gassa D’amante, è un termine marinaresco, per indicare il nome del nodo base. Un nodo semplice, ma importante. Una birra semplice, ma importante.
La Birra Meridiano 0 ha primeggiato nell’’Italian Low Gluten Beer Award 2016. Lo “Zero” è il meridianodi riferimento, che passa da Greenwich, sulle colline affacciate su Londra. Una birra ambrata, in bocca si avvertono sapori di caramello, frutta secca e il toffee.

Birra BIOnda Gilac: (http://www.gilac.it/it/birre/bionda/ )
caratteristica principale, oltre ad essere senza glutine, è anche Biologica. Prodotta con orzo coltivato in Italia da agricoltura biologica. Colore biondo dorato, luminoso, con aroma maltato e floreale d’acacia. Dolce agrumata.

Regalli Birra – First Chop, Modern British Ale: (http://www.firstchop.co.uk/ )
(http://www.regallibirra.it/first-chop )
First Chop Ale è una birra Ale di altissima qualità, prodotta in piccoli lotti e in maniera artigianale. Viene tolto solo il glutine, nient’altro! Durante il tradizionale processo di produzione della birra, la maggior parte del glutine in questi ingredienti viene scomposto e rimosso attraverso la chiarificazione naturale. Garantendo che qualsiasi traccia di glutine venga rimosso. Ogni lotto viene analizzato individualmente restando sempre sotto i 20 ppm di glutine. First Chop presenta una linea in lattina con ben 10 birre senza glutine: Ava (Hoppy Blonde Ale), Sup (Session IPA), Jam (Mango Pale), Hop (Ultra pale ale), Pod (Classic vanilla), MCR (Modern Manchester bitter), Red (Salford Red), Pop (Citrus IPA), SYL (Black Jaggery IPA), PiP (Grapefruit Saison).
Sicuramente questa per me è stata la novità assoluta del Beer Attraction del senza glutine. Le birre artigianali in lattina!!!

Ales&Co – Glutenfree Beer: (http://www.alesandco.it/ )
Con una vasta selezione di birre senza glutine: American Dream-Mikkeller (deglutinata attraverso l’utilizzo di enzimi. Birra luppolata di buona bevibilità), Totem Pale (una bassa alcolicità rispetto alle altre, una leggerezza di grande personalità), Goldfinch (Ipa a bassa gradazione, per chi cerca una birra a basso contenuto di alcool e molto dissetante), Vagabond (la più conosciuta attualmente, sui toni agrumati, di buona bevibilità), Peter Pale & Mary – Mikkeller (prodotta con luppoli americani, color dorato chiaro), I Wish – Mikkeller  (Ipa morbida, fruttata e fresca, con note agrumate di pompelmo, arancia e lime), Reparationsbajer (Pale Ale con luppoli americani e neozelandesi. Buona vena amara sul finale. Oltre in bottiglia si presenta anche in versione lattina), Green Gold (una Double Ipa de glutinata in cui il luppolo è il protagonista indiscusso. Birra aromatica, luppolata e secca), Bitter (versione deglutinata della classica Bitter inglese Ridgeway. Una birra fresca, leggera), Crop Circle (birra pulita dal forte carattere dissetante. L’utilizzo di fiocchi di granoturco fa emergere lievi note di mais), G-Free (birra prodotta a partire dal sorgo, gradevole e con una buona aromaticità).

Birre Green’s: (http://www.birrasenzaglutine.it/ )
Immancabili nello scenario glutenfree. Le birre Green’s sono le prime birre artigianali senza glutine in Italia. Conosciutissime da tutte, sempre presenti nel mercato delle birre senza glutine. Ampia scelta di birre: birre per tutti i gusti! Ben sette birre da assaggiare, in tre versioni: Blond (bionda), Amber (ambrata) e Dark (scura). Tutte le birre Green’s sono prodotte in Belgio, con i quattro storici ingredienti della vera birra: malto d’orzo, luppolo, lievito e acqua. Adatte non solo per i celiaci, ma anche per vegetariani e vegani.

Birre Caulier:
Vincitrice del terzo posto al World Gluten Free Beer Award al Beer Attraction 2017. Birra ad alta fermentazione, bionda, schiuma fine e chiara, aroma fruttato e persistente. Gradazione alcolica 6,8% vol. Questa birra oltre ad essere prodotta “Sugar free”, come tutte le Caulier, è anche priva di glutine così da poter essere gustata anche da coloro che sono intolleranti al glutine.

Birra Capricci e Birra Vittoria, del Birrificio Leccese Malatesta: (http://www.birrificiomalatesta.it/ )
Terzo posto per la Birra Capricci nel concorso Italian Low Gluten Free Beer 2017, che premia le migliori birre senza glutine prodotte in Italia. Menzione di merito anche per la Birra V per Vittoria.
Birra Capricci glutenfree ha un colore dorato intenso, schiuma abbondante e persistente, ma un sapore morbido e fresco, tra malto d’orzo e limone.
Birra Vittoria glutenfree ha un colore dorato chiaro, con un aroma fresco e fruttato, con sentore di agrumi, spezie e note erbacee.

Evo – Gluten Free, del birrificio Hordeum: (http://www.hordeum.it/index.php )
Hordeum ha creato una bionda leggera, glutenfree. La birra per tutti e italiana. Evo sta ad indicare proprio evoluzione. Grazie ad una lavorazione particolare e all’utilizzo nella ricetta di una alta percentuale di Riso Carnaroli , la birra Evo è ideale per tutti gli intolleranti al glutine. Una birra arricchita con Riso Acquerello, cioè il Riso Carnaroli super fino.

Sicuramente ogni anno è un emergere di novità sulle birre artigianali senza glutine.
L’appuntamento è per il prossimo anno.

Beer Attraction 2017-Gluten Free Travel and Living
Beer Attraction 2017-Gluten Free Travel and Living

 

Per altri articoli su degustazioni di Birre senza glutine guarda anche:

I degustazione
II degustazione
III degustazione
IV degustazione

Condividi questo post

Post Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.