100% Gluten Free (Fri)Day, la scuola di cucina: la pasta

pasta senza glutine pic

La settimana scorsa, nella scuola di cucina del 100% Gluten Free (Fri)day abbiamo visto come fare la pasta senza glutine , e, come potete notare dalla video ricetta,  non esistono grandi differenze tecniche nell’elaborazione rispetto a quella glutinosa.

L’ accorgimento più importante è di evitare ogni tipo di contaminazione da glutine.

Il piano di lavoro  va attentamente pulito. Evitare le spianatoie di legno in cui si elaborano anche le paste con il glutine, se invece lavorate direttamente sul piano della cucina, sul marmo o sul granito,  come nel mio caso, consiglio di passare prima un raschietto, per elimare ogni minima traccia di vecchie farine che potrebbero essere rimaste aderite, e poi lavare accuratamente la superficie.

Le ciotole in cui impastare devono essere di vetro o metallo che sono materiali non porosi e si puliscono bene.

Se usate la macchinetta per stendere la pasta, dovrete usarne una dedicata alle paste GF, nel mercato ci sono piccole macchinette a costi relativamente bassi.
Se fate la pasta senza glutine poche volte l’anno  è comunque pratico e sicuro stenderla a mano con un mattarello dedicato senza necessariamente dover acquistare una macchina apposta.
La pasta fresca senza glutine è piuttosto elastica, si stende facilmente, per facilitare il lavoro vi consiglio di non fare una sfoglia enorme, ma tante stendere tante piccole sfoglie.

A questo punto non resta che scegliere che tipo di pasta fare.

Sapete quanti tipi di pasta ci sono in Italia? Un’ infinità, tra pasta secca e fresca – lo chef inglese Jacob Kenedy e la designer Caz Hildebrand – ne hanno contati 1.200 e 300, tutte raccolte in un librone  che si intitola The Geometry of pasta in cui le varie paste sono analizzate come pezzi di design.

geometry of pasta book

Ovviamente per ogni formato e tipo di pasta viene raccontata la storia e l’abbinamento con salse e sughi, un lavoro di dettaglio e minuzia che in Italia, dando per scontata la tradizione, nessuno ha mai fatto.

Se vogliamo sintetizzare possiamo prendere la classificazione di wikipedia e troviamo:

  • Paste lunghe a sezione tonda, tipo pici, bigoli, spaghetti
  • pasta_shape_image_geometry_12711836478623852Paste lunghe a sezione quadrate, come spaghetti alla chitarra, scialatelli,
  • Paste lunghe a sezione rettangolare, come le bavette, le trenette, le mafalde.
  • Pasta in nidi, ossia che si conserva arrotolata, come le tagliatelle, i taglionini, fettuccinepasta_shape_image_geometry_capelli

 

pasta_shape_image_geometry_1270379267862714115

  • Pasta a forma di tubo, come i cannelloni, rigatoni, tortiglioni, penne

pasta_shape_image_geometry cannelloni

  • Paste corte, come fusilli, gnocchi, maltagliati
  • Pasta minuta, che normalemente si mangia in brodo, come gramigna, stelline, anellini
  • Pasta ripiena, tortelli, agnolotti, cappelletti

pasta_shape_image_geometry_12711862478623852

  • Paste di forma irregolare, che sono quelle che non si possono classificare con una forma specifica

Se poi consideriamo che ogni formato ha la sua storia, come quella antichissima delle lasagne e quella più moderna di fusilli ed eliche, che sono stati ispirati da omologhi prodotti dell’industria, e che ogni regione ha le sue tradizioni e le sue preferenze, decisamente la pasta è un universo infinito.

Se scegliamo alcune paste per regione troviamo:

Valle Aosta: tagliatelle con le castagne, pasta al forno ai formaggi

Piemonte: ravioli del plin, agnolotti

Liguria: trofie, pansotti

Lombardia: ravioli di zucca, ravioli cun la cuà

Veneto: bigoli

Friuli VG: Cjalzons

Trentino AA: Spatzle

Emilia Romagna: Tagliatelle, Tortellini

Marche: Vincisgrassi, Maccheroncini di Campofilone, Cappelletti

Umbria: Strangozii

Toscana: Pici

Lazio: Tonnarelli, fettuccine

Abruzzo: Spaghetti alla chitarra

Molise: Cavatelli

Campania: Scialatielli, Lagane

Basilicata: Lasagne alla lucana

Puglia: Orecchiette

Basilicata: Strascinati

Calabria: Filleja, Maccheroni al ferretto

Sicilia: Causanedda, Busiata

Sardegna: Culurgionis, Lorighittas

La fascinazione per le mille forme della pasta la ha subita anche George L. Legendre, un architetto inglese autore di Pasta by design edito da Thames and Hudson, che nel libro,  come dice la descrizione dell’editore,  ha profilato 92 diversi tipi di pasta, classificandoli in tipi utilizzando la ‘filogenesi‘ (lo studio di parentela tra le forme naturali).

pasta by design book

Ogni forma viene resa come un’equazione e un grafico che mostra ogni piccolo dettaglio distintivo e poi Legendre le accorpa le varie forme per similutidine geometrica.

 

 

pasta by design

 

12518_PastaBk_p014-051.indd

 

Ecco, voi che pensavate di fare un agnolotto, un cannellone, un raviolo, come le vostre nonne che stendevano la pasta a occhi chiusi, invece no!. Invece siete dei matematici, dei geometri, degli architetti del gusto.

E allora che aspettate! Fateci vedere le vostre creazioni !

Aspettiamo le vostre ricette fino al 24 marzo, poi lo chef Marcello Ferrarini, decreterà il vincitore, o meglio il miglior alunno di questa prima lezione di cucina senza glutine. Cosa si vince? Questo lo sapremo solo vivendo….

Questo il banner da usare se volete partecipare e da mettere nel vostri blog con il link a questo post e potete postare in qualsiasi giorno della settimana

Scuola Cucina GFTL

 

Fonti:

Foto: Simonetta Nepi

 

Condividi questo post

Post Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.